Atto intimidatorio, la risposta a Terribili

Atto intimidatorio, la risposta a Terribili
14:36 , 29 gennaio 2012 0
Posted in: News

Alcune volte l’aspirazione di ottenere un minimo di visibilità tesa a legittimare l’ambizione di concorrere a una qualsiasi carica pubblica, soprattutto in vista di un’importante elezione che porterà Priverno al rinnovo del sindaco e del consiglio comunale, può giocare brutti scherzi.
Il fatto. Lo scorso sabato ho avuto modo di leggere quanto dichiarato alla stampa dal presidente dell’Anmic Sandro Terribili, che con una personale ricostruzione bacchettava l’universo mondo delle istituzioni locali, delle associazioni, della politica e della cultura privernate per non aver espresso accorata solidarietà all’avv. Primo Rossi, vittima dell’incendio della sua automobile.
Lo stesso presidente Terribili, con assoluta mancanza di sensibilità, ha cercato di coinvolgermi in questa vicenda, che non mi appartiene nella maniera più assoluta.
C’è poi un lato tragicomico delle dichiarazioni espresse: quello di far ricadere la responsabilità della triste vicenda incendiaria a ipotetici e fantomatici nemici politici dell’avv. Rossi pronto, in ogni modo, a raccogliere la sfida e a entrare come un cavaliere senza macchia e paura nell’agone politico privernate.
Credo che quest’assunto sia tanto immaginifico quanto improponibile, mentre i fatti certi sono due: il primo è l’incendio dell’auto; il secondo la personale velleità dell’ennesimo concorrente alla poltrona di sindaco alle prossime elezioni amministrative.
Nel frattempo gli inquirenti lavorano con impegno per dare un volto e un nome a chi avrebbe avuto interesse a bruciare l’auto del professionista. Sempre se si tratta di un attentato.
Detto questo, vorrei rilevare con estrema decisione, che sin dal mio primo giorno da Consigliere regionale mi sono posta a disposizione dei cittadini per ascoltare i loro problemi.
Tanto è vero che ho aperto un centro di ascolto a Priverno, una seconda sede è in fase di allestimento nella città di Latina, e prossimamente ho programmato di aprire anche un ufficio a Terracina.
Questa coniugazione della rappresentanza politica e amministrativa sul territorio provinciale ha comportato in questi primi 20 mesi, non solo il quasi totale reimpiego delle competenze che ricevo per il mio incarico, ma anche il coinvolgimento di tanti amici, collaboratori e sostenitori, che guardano alla politica con rinnovato spirito di servizio.
Un diuturno lavoro che mi porta a ricevere ogni giorno decine di cittadini, che lamentano le loro difficoltà e insieme cerchiamo di trovare un percorso per risolverle.
Tra le persone che ho ricevuto negli ultimi tempi, c’è stato anche il presidente dell’Anmic Sandro Terribili, il quale doveva parlami di un suo eventuale impegno e quello dell’associazione che presiede a sostegno delle iniziative che avrei posto in cantiere per la città di Priverno.
Un incontro poi fatto scivolare dal presidente Terribili, non più ad ausilio della buona politica da attuare, visto che era deluso dall’intera pletora dei politici locali, ma a mero sgabello delle fortune lavorative e recentemente anche politiche di un suo caro amico.
Per quanto riguarda l’incontro avuto en passant con l’avv. Rossi, questi mi chiedeva se c’erano gli spazi per una sua candidatura a sindaco nella fila del Popolo della Libertà o comunque nell’aggregazione che si sarebbe definita a sostegno del candidato del centro destra, e infine cosa ne pensassi del suo diretto impegno politico.
Gli riferii che l’impegno politico era da salutare con estremo interesse, mentre per tutto quello che afferiva all’indicazione del candidato a sindaco di Priverno per il Pdl, le prerogative erano di competenza del Coordinatore provinciale.
E solo con lui si sarebbe dovuto relazione.
Questa la scansione degli accadimenti che ho avuto con Terribili e Rossi, mentre sui commenti letti nell’articolo titolato “Atto intimidatorio – ignoti avversari infastiditi dalla candidatura di Rossi”, stendo un pietoso velo Cristiano.

Gina CETRONE
Consigliere Regione Lazio (Pdl)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *