«La Regione Lazio inizia a trasferire le risorse per pagare gli stipendi dei Lavoratori Socialmente Utili»

«La Regione Lazio inizia a trasferire le risorse per pagare gli stipendi dei Lavoratori Socialmente Utili»
12:05 , 19 aprile 2012 0
Posted in: News

Dopo le dannose, quanto inutili polemiche divampate all’indomani della volontà della Regione Lazio di trovare una giusta soluzione ai problemi di stabilizzazione dei Lavoratori Socialmente Utili, da decine di anni in servizio in molti enti locali, l’amministrazione regionale nei giorni scorsi ha iniziato ad emettere i primi mandati di pagamento per sostenere le spese degli stipendi ai bistrattati lavoratori.
L’elenco, per quanto riguarda alcuni Comuni della Provincia di Latina che stanno ora usufruendo del progetto attuato dalla Regione Lazio, è particolarmente significativo.
In ogni modo gli enti locali che ne stanno beneficando sono i seguenti: il Comune di Sonnino ha ricevuto 77.580,00 euro per la stabilizzazione e 30.000,00 quale contributo una tantum per dimissioni volontarie di Lsu.
Il Comune di Sezze 90.510,00 euro per la stabilizzazione e 20.000,00 per le dimissioni volontarie.
Il Comune di Monte San Biagio ha ritirato 34.500,00 euro per le assunzioni e 40.000,00 per dimissioni volontarie.
Il Comune di Maenza ha preso dalla Regione Lazio 12.930,00 euro per la sola stabilizzazione di Lsu, mentre il Comune di Roccagorga ha riscosso due contributi: per la stabilizzazione 69.975,00 per le assunzioni di Lsu 53.421,00.
Roccasecca dei Volsci per la sola stabilizzazione ha ricevuto 51.720,00 euro.
Questi i fatti. Ogni altro commento ritengo sia oggi superfluo.

On. Gina Cetrone
Consigliere regionale (Pdl)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *