Il PD, un partito garantista della giustizia a suo uso e consumo

Il PD, un partito garantista della giustizia a suo uso e consumo
18:56 , 9 luglio 2012 0
Posted in: News

Questa mattina si è tenuto un importante e atteso Consiglio provinciale nel quale il presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani, ha esposto le sue ragioni rispetto alla condanna penale inferta dal Tribunale di Latina per un presunto abuso edilizio realizzato all’interno di un albergo dove è comproprietario.
Affermo in via preliminare che la mia breve riflessione sarà tutta politica, senza entrare nel merito del lavoro dei giudici o delle ragioni che sicuramente saprà far valere il presidente della Provincia in altra fase del giudizio di merito.
La mia riflessione vuole porre l’accento sul comportamento, che ritengo politicamente scorretto, tenuto dalla rappresentanza consiliare del PD, che pur strillando a più non posso sui mezzi di comunicazione e mettendo in campo una vera e propria campagna di delegittimazione del presidente Cusani e della maggioranza che supporta il suo governo, nel momento del confronto, conigliescamente, non partecipa al dibattito ma al secondo piano del palazzo provinciale convoca i giornalisti per spiegare cosa, lo sapremo domani dai giornali.
I rappresentanti del PD in seno al Consiglio provinciale e l’intera classe che ha avallato in questi giorni il grande schiamazzo mediatico e istruito le truppe financo per una raccolta di firme per “cacciare Cusani”, dovrebbero ricordare quando fu condannato a dieci mesi di reclusione e a un anno di interdizione dai pubblici uffici, pena sospesa, un suo illustre rappresentante del sud pontino, per  una storia dove ci scappò anche il morto.
Nessuno del centro destra su quella sentenza, anche quando l’illustre rappresentate si lamentò pubblicamente affermando “non ritengo giusta questa condanna”, azzardò alcuna speculazione politica.
Sono trascorsi da quel giorno 10 anni, evidentemente non sono stati sufficienti a far metabolizzare ai militanti del Pd comportamenti virtuosi di rispetto politico e umano”.

On. Gina Cetrone
Consigliere regionale del Lazio (Pdl)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *