Riordino enti, le opposizioni: prima si discuta la legge sulla mobilità

Riordino enti, le opposizioni: prima si discuta la legge sulla mobilità
16:35 , 3 marzo 2015 0
Posted in: News

“Prima la mobilità, nel vero senso della parola”. Il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e capogruppo de La Destra, Francesco Storace, ha sintetizzato così la richiesta dei gruppi d’opposizione che ha portato al rinvio della discussione delle memorie di Giunta sul riordino delle Aziende territoriali per l’edilizia residenziale pubblica (Ater), degli enti parco, dei consorzi di bonifica e di sviluppo industriale.

Come è previsto dalla prima spending review regionale (legge 4/2013), l’esame delle relazioni della Giunta sul riordino di enti e società regionali da parte della IV commissione Bilancio, e della I commissione, Affari costituzionali e statutari, è propedeutico alle relative proposte di legge di riordino. Per le società e gli enti regionali operanti nella mobilità e nei trasporti gli assessori competenti sono stati ascoltati da tempo, ma la discussione sulla corrispondente proposta di legge 193 non è ancora iniziata. Le opposizioni hanno sollevato la questione nel corso della seduta congiunta della IV commissione e della I commissione riunitesi oggi per l’esame delle osservazioni alle relazioni propedeutiche alle leggi di riordino di Ater, enti parco, consorzi di bonifica e di sviluppo industriale. Oltre a Storace, sono intervenuti i consiglieri Aurigemma, Righini, Perilli, Di Paolantonio e Sbardella.

Perché mettere altra carne sul fuoco, se la proposta di legge che prevede l’accorpamento in un unico soggetto di Aremol, Astral, e Cotral Patrimonio non è ancora iniziata? “Ritengo sia opportuno aggiornare la seduta e fissare nuovi termini per la presentazione delle osservazioni”, ha dichiarato il capogruppo del Pd, Marco Vincenzi. Di qui la sospensione della seduta, comunicata dal presidente della commissione Bilancio, Mauro Buschini (Pd) che ha presieduto i lavori odierni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *