Audizioni in Commissione Ambiente su noleggio con conducente e Cotral

Audizioni in Commissione Ambiente su noleggio con conducente e Cotral
08:02 , 31 marzo 2015 0
Posted in: News

Due audizioni nel pomeriggio alla Pisana in Commissione VI Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica, presieduta da Enrico Panunzi (Pd): la prima sulla crisi del servizio pubblico di trasporto non di linea (taxi e ncc) negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, la seconda sulla situazione di Cotral Spa. Alla prima ha presenziato anche l’assessore alle Politiche del territorio, mobilità e rifiuti Michele Civita.

Nella prima audizione, ascoltati i rappresentanti di categoria Anc trasporto persone, Fderncc Confcommercio Roma, Fai Confcommercio Lazio: il primo a prendere la parola è stato il rappresentante di Fderncc Confcommercio Roma, che ha denunciato la gestione di Aeroporti di Roma come dannosa per la categoria del noleggio con conducente, per di più messa in atto senza previa consultazione dei comuni interessati, Roma e Fiumicino, che sono i soli titolati a redigere un protocollo d’intesa sulla materia. La richiesta è quella di una conferenza di servizi, poiché l’eliminazione dei box per il noleggio con conducente, che è il tema della discordia, danneggia la categoria, che è costretta a procacciarsi la clientela in modo disordinato. I rappresentanti della categoria hanno invocato in alternativa l’esercizio della potestà legislativa residuale della regione nella delicata materia.

Tra i consiglieri presenti, Aurigemma (Pdl-Forza Italia) ha chiesto una risposta entro 30 giorni, mentre Santori (Misto) ha appoggiato la richiesta di conferenza dei servizi. L’assessore Civita è intervenuto in conclusione, dicendo che a suo avviso si può convocare non una conferenza di servizi, per cui non ci sono gli estremi, bensì un tavolo per discutere del problema alla presenza di tutte le parti interessate. Presenti anche i consiglieri Agostini (Pd), Avenali (Pd), Blasi (M5S), Lupi (Pd), Palozzi (Pdl-Forza Italia) e Zambelli (Pd).

Scopo della seconda audizione, come spiegato da Palozzi, era invece sapere quali siano le prospettive dell’azienda Cotral, a pochi mesi dell’insediamento dei nuovi vertici. A questo scopo, erano stati invitati il presidente di Cotral Spa, Amalia Colaceci, e l’amministratore delegato, Arrigo Emilio Giana, al fine di conoscere quali azioni hanno adottato e hanno intenzione di adottare per il futuro dell’azienda regionale.

Intervenuto subito Sbardella (Misto), che si è chiesto dove sia il piano industriale, annunciato dall’assessore quasi due anni fa, visto che era prevista anche l’esternalizzazione di una parte del servizio, nel momento in cui la società è diventata “in house”. Su questi temi egli ritiene necessario anche il parere del controllo regionale (c.d. controllo “analogo”), che però non presenzia a questa audizione.

L’a.d. di Cotral, Giana ha parlato, nel suo intervento, di un’azienda trovata in condizioni di forte crisi per demotivazione del personale e costi di fornitura troppo elevati. Tale situazione è stata riportata alla normalità con l’attuale gestione, a suo avviso. Il rinnovamento della flotta è, a suo parere, la priorità assoluta e si sta cercando di perseguirlo, prosegue Giana, cosa che però Cotral non è in grado di ottenere con le sue sole forze. “Cento nuovi autobus entro la fine del 2015” è l’obiettivo minimo individuato dal management dell’azienda, ha aggiunto Giana. Quanto all’esternalizzazione, si tratta di una scelta regionale, poiché è l’Ente Regione che deve fare il bando.

La presidente Colaceci, poi, intervenendo a sua volta, ha rincarato la dose, parlando di un’azienda che non si presentava neanche come tale, cinque mesi fa, all’atto dell’insediamento dei nuovi vertici. A proposito delle scelte gestionali, “sono tutte improntate al criterio del contenimento dei costi”, ha proseguito Colaceci, compresa quella dell’assunzione di un addetto stampa in luogo del capo ufficio stampa trovato all’atto dell’insediamento, con un risparmio di quasi la metà dell’importo (tema su cui era coincisa una richiesta di chiarimenti da parte di Sbardella e Palozzi).

Altri temi posti dai consiglieri, la riunificazione delle due società in cui attualmente è suddivisa l’azienda, quella di gestione e quella “Patrimonio”, e la questione del diritto d’uso dei mezzi, che al momento non è stato rinnovato. Quadrana (Lista Zingaretti) si è pronunciato comunque per il mantenimento del carattere pubblico del servizio, mentre Patanè (Pd) per la netta distinzione tra scelte aziendali e politica regionale complessiva su Cotral. Da più parti si è concordato per la necessità di nuovi incontri alla presenza dell’Assessore e delle strutture di controllo regionali, mentre Santori ha chiesto anche un documento di Cotral su cui prepararsi a questi appuntamenti.

Il presidente Panunzi ha ringraziato per ora gli intervenuti, delineando sviluppi della discussione sul tema con la presenza delle parti oggi assenti. Presenti a questa seconda audizione, anche i consiglieri Avenali, Perilli e Porrello (M5S) e Righini (Nuovo centrodestra).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *