Terracina. Cronache di una città video sorvegliata alla grande

Terracina. Cronache di una città video sorvegliata alla grande
23:21 , 26 agosto 2015 0
Posted in: News

Intercettazione ambientale n.256 di giovedì 27 agosto 2015 (San Paganino)

 

Location: vicolo delle Belle ore 7 del mattino

Due celebri popolane discutono prima di andare al mercato settimanale del Giovedì.

 

 

Maria (la brutta)

Mena, pur tu vai ai giuvedì sta matina?

Mena (la cesca)

Sì, tenga accattà nu paie di mutande a chjù ciesche de fratem

Maria (la brutta)

E tu come c’arrivi sopa a Badin, t’accumpagne cacc tune, fai iautostop?

Mena (la cesca)

Niò, ju comune cu ex assessor buzzecone ha misse la curriera e dicene che manca se paga

Maria (la brutta)

Ma addaver stai addì, Menà! Addaver nen se paga nu centeseme? Ecche perché ju comune è fallit? Acca vonn fa sempre ju matremonie cu le fiche secche

Mena (la cesca)

Ma come? Na vota che nen se paga niente, chieda pure reclamà. Nen ce bastene tutte le tasse che c’è misse sta gentaggia ch’enne cacciat

Maria (la brutta)

Però te tenga confussà na cosa: ju Giovedì a Badino non se po’ sentì! Ma te pare che tieta i a sbatte ai 6 chilometre per accattà nu paia di mutande a fratet?

Mena (la cesca)

A dirt la veretà manca a me sta bene stu fatt. Ma a chi è venut a mente dich’io? Chi è stat ju genie pulitiche?

Maria (la brutta)

I le sacc ma n’le poss dì. Chisse che enne cacciat da sopa Tarracina ierta so peruculos. Ti fann i sfreggi. E poi ci sta nu frignitte d’ex ancazzus che nen se scorda niente. Pija pur j’appunte. Sa Menà!

Mena (la cesca)

Ma addaver stai a dì? Chiss so peruculose e fanne paura assai. Quinto, stemece bone e zitte e nen ce facem scuprì l’idea.

Maria (la brutta)

Menà, mo da na cosa all’atra. Me ditt Cesarina, chella che se vede bella dint gliù spiecchie, che chij d’jù mercat hann fatt la petezione per fa rturnà i giuvedì a dov steva prima. Tu si firmat?

Mena (la cesca)

Niò. Andò tenga i p’firmà?

Maria (la brutta)

E ditt Cesarina che tenne nu banchit ai giuvedì, mo jamm a cumprà chelle che ce serv e vedem pur d’firmà sta supplica.

Mena (la cesca)

Si, si, jamm ja. Mo basta cu sta storia d’tenè ju mercate vicine a Badin, addò se fermene i zingar e i furestieri fai da te, che portene solo munnezza

Maria (la brutta)

Zitta Menà, pè carità, n’parlà di munnezza, che ju incazzuse pia appunt e poi so uciell pe chi te la diabetica

Mena (la cesca)

All’ora, jam cenn che s’sta a fa tard. L’autobus andò passa?

Maria (la brutta)

Boh? Mettemece sotto iarche de Venditt, da ca teta passà. O no?

 

Pantalone

(e io pago)

 

Traduzione del fraseggio dialettale a cura del maresciallo della riserva, Belin di Genova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *