“La demucrazia dij foje d carta”

“La demucrazia dij foje d carta”
19:20 , 20 settembre 2015 0
Posted in: News

Aj Frigntti che pia appunte, ce se sta mettenn puro j’ex assessor ai bocchi.

Chj che se crede brav e penza de ten’è tutte le cose a poste.

Stu brave ex mammocc s’è p caccosa offese e sputa velene accome po’ pò.

Mo se la sta a pija cun nu fesse che mett’anfila du futocopie d giurnale la matina.

Chisse? Chije buene, penza che i stanna a cujunà pecchè n’mettene la robba sia e dju campare sop a sta cazz de cosa, accome se chiama?

Dent a cinc’anne ch’è stata a fà ju brave ammenestratore nen sé accuerte che tutti ju giurnale non se po’ futucopià se no s’ancazzane chij che j vennene.

Dent a cinc’anne nen sé accuerte che ju stesse sistema, par par, già ce steva. Ma mò se lamenta?

Mò che n’cestapiù sop la piazza se fa rode ju mazz e dice che vò cuntrullà, pecchè vò la demucrazia di foje d carta.

Appresse a sta strunzata ce vann puro i grande capiscion c’henne fatt bella Tarracina pe anne e anne.

Mò j dich: ma nen era meje che se stev zitte?

J tengheta paura d n’cosa sola, che Cavallotte (jamich mij de la piazza, assieme a Culefuchente) a chiss c fa nu casin.

Mò voje parlà subet cu Cavallotte prima che fa na fregnaccia de chelle gross.

Steteve buene, j vaghe.

Boccappizze

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *