Terracina. Recupero dell’evasione ed elusione dei tributi, alle vecchie logiche amministrative va contrapposto un impegno serio e fattibile

Terracina. Recupero dell’evasione ed elusione dei tributi, alle vecchie logiche amministrative va contrapposto un impegno serio e fattibile
10:47 , 30 novembre 2015 0
Posted in: News

“Recupero dell’evasione e dell’elusione dei tributi comunali, con la costituzione di apposito settore per l’accertamento e la riscossione, anche con la collaborazione di ditte private abilitate”.

E’ il terzo punto del programma elettorale, ed è un argomento che ogni amministrazione che si è succeduta nel corso dei “secoli” al governo di Terracina ha sempre promesso e mai realizzato pienamente.

Salvo qualche blanda iniziativa, il recupero dell’evasione e dell’elusione dei tributi, che ricordiamo ogni anno procura un buco enorme all’asfittico e fallimentare bilancio comunale, è sostanzialmente fermo nell’anno zero.

Per onestà intellettuale, qualcosa la dottoressa Ocello sta muovendo nella direzione di costituire un gruppo di lavoro per stanare i furbetti che fino ad oggi l’hanno fatta franca a tutto danno della collettività.

Noi pensiamo di intraprendere però un duraturo percorso di recupero dei tributi comunali, non tralasciando la possibilità in tempo reale di immettere a ruolo tutti quelli che approdano stanzialmente sui nostri lidi, anche solo per qualche mese.

Quindi, occorre realizzare una vera e propria struttura operativa all’interno del Comune capace di incrociare le varie banche dati, e con personale preparato adeguatamente bussare alla porta di casa o aziendale di chi non vuole pagare il dovuto o scientemente elude anche parzialmente la somma da conferire.

Non si tratta di porre in campo una squadra di novelli “gabellieri” del terzo millennio, ma andare con cognizione di causa a intercettare nel variegato mondo degli evasori e degli elusori, che arrecano danni gravi allo sviluppo economico e sociale della comunità terracinese.

Abbiamo il dovere di sostenere iniziative importanti: penso al censimento di tutte le residenze concesse negli anni a soggetti che nella realtà dei fatti si trovano soltanto fittiziamente ad abitare gli appartamenti costruiti sul territorio comunale.

Non si tratta di rispedire al mittente cittadini che ne hanno diritto in qualche modo, ma “invitarli” a collaborare pagando i tributi che andranno a sostegno di progetti di pubblica utilità.

Così facendo si stronca definitivamente anche il mercato “nero”, vero o presunto che sia, della “compravendita” dei voti in occasione delle elezioni comunali verso coloro i quali (amministratori) invece di tenere gli occhi aperti e fare gli interessi dei terracinesi li tengono chiusi con nonchalance.

Fatti già rilevati dalla stampa locale in più occasioni.

Come una task force deve essere operativa per individuare i proprietari delle migliaia di appartamenti che durante la stagione estiva sono affittai in “nero”: non è possibile infatti accettare che le denunce ogni anno non superano che  poche decine.

Sarò anche impopolare per chi usa questi sistemi e non mi voterà, ma a questa “pacchia” deve essere scritta la parola FINE.

Altra operazione di accertamento e recupero è su chi deve corrispondere le rate fideiussorie a garanzia per gli oneri concessori.

In molti, infatti, pagata la prima rata si “dimenticano” di onorare le altre.

Poi c’è il percorso da attuare urgentemente per recuperare i residui attivi posti in bilancio: ovvero i crediti accertati e mai passati all’incasso da parte dell’amministrazione comunale. Ritengo che una somma importante potrebbe essere recuperata dai tanti soggetti “scordarelli”.

Non per ultimo, infine, la tutela e il giusto aiuto per chi è nell’impossibilità di far  fronte al pagamento dei tributi comunali. Nelle norme che la legge e i regolamenti comunali permettono.

Queste alcune delle iniziative, tanto per cominciare.

Ricordo, infine, che questo punto rientra nel programma inderogabile per governare la città di Terracina e se non sarà adottato al pari degli altri nove, chi scrive e la sua intera compagine amministrativa, non si ripresenterà più ad alcuna elezione: comunale, regionale, nazionale o europea che sia.

 

Gina Cetrone

Candidata a Sindaco di Terracina

Lista civica “Sì Cambia”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *