Terracina. “Erbe infestanti e ignavia istituzionale”

Terracina. “Erbe infestanti e ignavia istituzionale”
16:56 , 26 gennaio 2016 0
Posted in: News

Sono trascorse ormai diverse settimane dal primo avvistamento delle erbe infestanti bloccate alla grata del ponte del “Salvatore” e nulla da allora è stato fatto per eliminarle.

Ed è questa ignavia un fatto intollerabile per una città che si vorrebbe turistica e in concorrenza con le migliori località di mare della regione Lazio e d’Italia.

Al di là della questione visiva, che pure  ha il suo risalto negativo sui pochi turisti fuori stagione e dei cittadini terracinesi, il fatto che preoccupa oggi come ieri è di natura igienico – sanitaria.

Perché un simile ristagno porta con sé tutta una serie di problematiche igieniche, che alle autorità preposte basterebbe poco individuarle per produrre poi un’adeguata sanificazione dell’area fluviale interessata.

Evidentemente queste pur valide ragioni non hanno fino ad oggi interessato nessuno degli attori istituzionali interessati, tanto è vero che la situazione sostanzialmente non è mutata, anzi la grata che blocca il sudiciume si è anche rotta nella sua parte centrale e lascia defluire senza controllo parte della lordura che inevitabilmente si riversa nella baia della città, con altri scompensi ambientali.

L’immagine che si propone è inconfutabile e non basta agli eventuali prevenuti evidenziare il periodo pre – elettorale: perché lo “schifo è schifo” prima, durante e dopo la chiamata alle urne.

All’appello rivolto alle autorità preposte, fornito a mezzo stampa nel mese di dicembre 2015, caduto peraltro nel vuoto, mi corre l’obbligo reiterarlo, nella speranza che qualche “anima” buona ponga fine allo scempio.

 

Gina Cetrone

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *